Chargement

Les travaux de restaurations du monument historique - AbbayeDeLaCelle

L'ultimo restauro 2019-2021


 
Il 25 agosto 2019, l'Abbazia di La Celle ha chiuso le sue porte al pubblico per l'ultima fase dei lavori di restauro, quella dell'ala ovest, crollata dal XVIII secolo.
Una delle prime operazioni consisterà nello smontare la scala di metallo per liberare il cortile e installare un'imponente gru che rimarrà lì per quasi un anno. Dieci ore di lavoro saranno necessarie per assemblare questo meccano gigante la cui guglia raggiunge i 30 metri.
The courtyard dismantling the stairs

Il cortile - smantellamento della scala

Image 7-2 : montage de la gruePoiché il cortile non è accessibile ai veicoli dei lavori pubblici, tutti i materiali, gli strumenti e i veicoli necessari per il cantiere devono essere trasportati per via aerea. Molti professionisti saranno coinvolti nel restauro del monumento. I primi a intervenire furono i muratori e gli scalpellini. La pietra scelta per le volte e delle cornici delle intelaiature era calcare freddo proveniente dalla cava Tieule in Lozère. Tuttavia, prima che la volta della galleria potesse essere ricostruita, fu necessario un grande lavoro di preparazione: ricostruire le intelaiature delle finestre e la cornice in bugnato per avere una superficie superiore piana. Per ricostruire l'intelaiatura di una finestra, l'artigiano segue il disegno della disposizione delle pietre che compongono il telaio dello scalpellino. Ogni pietra è regolata e posata con precisione, il che richiede grande abilità, soprattutto perché alcuni blocchi pesano quasi un quintale. Anche il muro sul lato del cortile, che ha una leggera pendenza, necessita di rinforzo. A tal proposito, gli aghi in metallo sono inseriti verticalmente. Saranno quindi collegati tra loro da una lunga trave di cemento armato per distribuire le sollecitazioni.

Il montaggio della gru

Image 7-3  Restauration baie

Il restauro della finestra

Il disegno della disposizione

Image 7-5 arasement et aiguilles Livellamento e aghi
All'inizio del 2020, tutto è pronto per iniziare la ricostruzione della volta. Per creare la centina che sosterrà la costruzione, viene realizzata una moltitudine di puntelli. La prima pietra viene posta il 3 febbraio.
La centina
Image 7-7 pose première pierre La posa della prima pietra
Purtroppo, il 17 marzo, il lockdown imposto dal Covid-19 provoca l'interruzione del cantiere. I lavori riprenderanno soltanto il 18 maggio 2020. Durante questa sosta forzata, i giunti della volta hanno avuto il tempo di asciugarsi e le prime campate hanno potuto essere rimosse.
L'arresto del cantiere
Image 7-9 décoffrage voûte Lo smontaggio della volta
Image 7-10 démolition mur bouchonIl 6 luglio è una data memorabile in questo cantiere. Coincide con il giorno della demolizione del muro di sughero che bloccava la galleria ovest da oltre due secoli! Tutte le gallerie del chiostro sono nuovamente accessibili.

La demolizione del muro in sughero

Sopra la volta, il paesaggio è mutato in modo consistente, i muri del primo piano e le aperture stanno rapidamente prendendo forma e si costruiscono delle terrazze. Il muro di cinta occidentale viene alzato per permettere al carpentiere di posare le travi che sosterranno il pavimento sopra le stanze adiacenti al chiostro nell'ala ovest.

L'elevazione del piano

Image 7-12  pose des poutres La posa delle travi
Image 7-13 : toiturePer recuperare il tempo perso a seguito dell'arresto del cantiere imposto dalla situazione sanitaria, carpentieri e scalpellini hanno lavorato tutto il mese di agosto per terminare il tetto.

Il tetto

Terza data rilevante: il 1° settembre 2020 Le ultime centine della volta della galleria ovest sono state rimosse. Dopo oltre due secoli di abbandono, è nuovamente possibile fare il giro del cortile tramite il chiostro.

La galleria scoperta

All'inizio di ottobre, l'arrivo dei professionisti della finitura (elettricisti, ascensoristi, fabbri, idraulici, falegnami, stuccatori, pittori, ecc.) trasforma l'abbazia in un vero alveare. Il piazzale della chiesa viene messo a soqquadro, poiché il progetto prevede il riallestimento dell'ingresso del sito per creare un accesso più facile al monumento e alla chiesa.

La ripresa del piazzale

Nell'ottobre 2020, la gru viene smontata e la sua base di cemento distrutta. Lo sviluppo del cortile può iniziare con la creazione di una calade periferica di ciottoli rotti e di un giardino paesaggistico.

Il cortile congestionato

Nell'angolo sud, la stanza dell'"antico parlatorio" viene nuovamente sgomberata per portare alla luce le vestigia scoperte nel 2018. La posa di un pavimento in vetro permetterà di scoprire la storia bimillenaria del sito attraverso questi resti. All'inizio di maggio 2021, dopo 18 mesi di lavoro, l'abbazia sarà nuovamente accessibile al pubblico.

L'ala ovest completamente restaurata




 Promemoria delle precedenti fasi di lavoro :

  • Dicembre 1992 

Acquisizione dell'antica abbazia di La Celle da parte del Dipartimento dal comune (la galleria nord del chiostro è già stata restaurata).

  • Da giugno 1998 a dicembre 1999

Restauro dell'ala est.
Rinforzo del dormitorio delle monache di clausura con tiranti di ancoraggio, restituzione delle volte in pietra (3 campate su 5) e della copertura in tegole, e riorganizzazione della sala capitolare, della sala delle monache e della stanza riscaldata

  • Da febbraio 2000 a ottobre 2000

Restauro dell'ala est: apertura delle campate della sala capitolare, riposizionamento delle colonne della sala capitolare, creazione di vetrate, allestimento del vestibolo, restauro del basamento, restituzione della porta medievale (passaggio verso il giardino)...

  • Da settembre 2003 a giugno 2004

Restauro delle terrazze delle gallerie del chiostro nord ed est, completamento della volta del dormitorio.